Punto Famiglia

/Punto Famiglia
Punto Famiglia 2018-06-14T12:19:20+00:00

Punto Famiglia
Grosseto – via Ruggiero Bonghi 14

Telefono: 0564/418076

Orari di apertura: riceve solo su appuntamento

Operatori: assistente sociale Monica Matino (329 4987612), assistente sociale Barbara Barbetti (366 6028908), assistente sociale Valentina Mazzoni (328 7907230), assistente sociale Emanuela Palazzi (329 4878975), psicologi Francesco Corlito ed Elisa Caputo (334 7285850).

A chi si rivolge: il PUNTO FAMIGLIA è un luogo di incontro, un nuovo servizio destinato alle famiglie. Padri e madri, innanzitutto i genitori di minori, troveranno nel PUNTO FAMIGLIA professionisti pronti ad ascoltare i loro problemi, dubbi, difficoltà ed individuare soluzioni nella rete delle opportunità e servizi offerti nel territorio.

Prestazioni offerte: il PUNTO FAMIGLIA offre servizi specifici per la tutela dell’infanzia ed il supporto dei genitori:
Sostegno alla genitorialità: è il servizio di ascolto e consulenza sulle problematiche del rapporto tra genitori e figli. L’intervento si articola attraverso l’organizzazione di seminari formativi per genitori, gruppi di mutuo-aiuto, colloqui individuali, attività e iniziative di supporto al ruolo del genitore.
Incontri protetti o diritto di visita: l’obiettivo è garantire, in famiglie separate, il diritto di visita da parte del minore al genitore non affidatario. È un intervento predisposto dal Tribunale per i Minorenni quando il rapporto del genitore non affidatario con il figlio deve essere garantito, spesso osservato e/o ricostruito. L’intervento, limitato nel tempo, si svolge alla presenza di un operatore sociale.
Mediazione familiare: le coppie in via di separazione, o già separate, possono essere aiutate dall’intervento di un “mediatore” imparziale per risolvere i loro conflitti e ricercare un accordo che tenga conto dei bisogni di ciascun componente della famiglia divisa e particolarmente dei figli. È un servizio particolarmente innovativo che intende promuovere la cultura della genitorialità basata sul diritto dei figli di avere libero accesso ad entrambi i genitori che, anche se divisi, devono poter continuare ad esercitare in modo responsabile il loro ruolo e le loro funzioni.
Maltrattamento e abuso: quando un bambino viene maltrattato o subisce abusi il servizio sociale interviene, in stretto rapporto con i servizi sanitari della Asl e con l’Autorità giudiziaria, per garantire tutela e sostegno. In alcuni casi, interviene anche sulla famiglia in crisi.